Il nuovo cattivo di Hollywood: Mark Zuckerberg di Facebook

27 09 2010

Sarà l’avvenimento cinematografico dell’anno? Chissà! Sicuramente “The Social Network” , il film diretto da David Fincher (“Seven”, “Fight Club”, “Zodiac”, “Benjamin Button”) e scritto da Aaron Sorkin (sceneggiatore di “The West Wing”) in uscita questa settimana negli Stati Uniti, darà una visione di Mark Zuckerberg, ideatore di Facebook, che verrà annoverata tra i cattivi più cattivi di Hollywood, facendo impallidire, persino, il ricordo di Gordon Gekko, magistralmente interpretato da Michael Douglas in “Wall Street”.

Click qui per il resto dell’articolo su Tiscali Tecnologia

Video importato

YouTube Video




ArounderTouch ancora più sorprendente

27 08 2010

Sono state ulteriormente potenziate le opportunità
di tour virtuale con l’iPhone, tramite l’applicazione
ArounderTouch sviluppata da
VRWay Communication. La nuova versione 1.1
propone una gamma di funzioni più ampia, con
la possibilità di personalizzare la modalità d’uso
del programma.
ArounderTouch consente di “visitare” virtualmente
tantissime città e siti di interesse storico,
artistico e culturale, oltre a consentire la ricerca
di alberghi, ristoranti, cinema e negozi utili,
prima di partire per il viaggio reale. Nella nuova
versione, scaricabile gratuitamente da iTunes,
si ha un percorso ancora più facile e comprensibile,
aggiornamenti in tempo reale, immagini
e informazioni su altre 10 nuove città e
il collegamento diretto con Facebook. E’ possibile
persino realizzare una passeggiata virtuale
su Marte, oltre che sulla Luna.
Diverse le funzioni aggiunte, come la possibilità
di ricevere direttamente sull’icona le notifiche
dei nuovi contenuti di cui l’applicazione man
mano si arricchisce; oppure la possibilità di scegliere
diversi criteri di visualizzazione, per nazione
oppure attraverso le località più cliccate
o tramite parametri consigliati dall’applicazione
stessa.aroundtouch




Il concorrente di Facebook – Diaspora -

20 05 2010

Arriva il sistema che “cerca i segreti” sul Web, utenti Facebook sono avvisati
Ho perso la verginità, odio il mio capo, non dirlo a nessuno, ho copiato il compito. Sono alcune delle frasi che consiglia di digitare il nuovo sito Openbook, un vero e proprio ‘cerca segreti’ ideato da tre ingegneri di San Francisco per dimostrare le carenze nel controllo della privacy da parte di Facebook.
Basta digitare una o più parole ed ecco apparire i post inviati negli ultimi giorni che le contengono. Messaggi nati nel social network, ma che ora circolano liberamente sul web. A differenza del motore di ricerca interno di Facebook, lo strumento scova le informazioni rese pubbliche dalla società di Mark Zuckerberg e compagni attraverso le applicazioni lanciate il 21 aprile, che aprono la comunità al resto del web e che hanno scatenato una valanga di critiche. “Il nostro sito è solo una parodia, ma lo scopo è serio – scrivono i programmatori di Openbook – Vogliamo che Facebook faccia tornare private le informazioni di cui dispone, per far sì che questo sito e altri come questo non funzionino più”. L’elenco delle ultime ricerche compiute dimostra che la caccia alle informazioni più intime e personali è cominciata.
Spesso le rivelazioni sembrano scritte apposta per essere divulgate al massimo, oltre volte l’impressione è che gli utenti non siano perfettamente consapevoli del destino finale delle conversazioni in rete e gestiscano le proprie comunicazioni in modo non molto diverso rispetto alle e-mail. “Il punto – scrivono i creatori di Openbook – è che Facebook non esplicita con chiarezza quali informazioni diventeranno pubbliche”. Districarsi tra le norme della privacy di Facebook non è affatto semplice, tanto che recentemente il New York Times ha calcolato che l’informativa del colosso Internet contiene 5.830 parole, 1.287 in più della Costituzione americana e che per rendere i propri dati almeno parzialmente privati occorre cliccare su 50 impostazioni e 170 opzioni. L’Electronic Frontier Foundation ha pubblicato invece un prospetto che mostra come dal 2005 ad oggi sia peggiorata la politica della privacy di Facebook.
Gli attacchi a Zuckerberg, 26 anni appena compiuti, ormai si moltiplicano. Il Business Insider, ad esempio, pubblica una conversazione tra il fondatore di Facebook ed un amico che dimostrerebbe la sua totale indifferenza nei confronti della privacy. Lo stesso blog a marzo accusò Zuckerberg di aver rubato le idee e i codici di un progetto universitario molto simile, HarvardConnection, diventato ConnectU, per il suo tornaconto. Sono diversi ormai i siti che consigliano di cancellare il proprio profilo sul social network. Uno di questi ha indetto il Quit Facebook Day, invitando a staccare la spina il 31 maggio, ma al momento non pare aver riscosso grande successo.
La stragrande maggioranza dei 400milioni di utenti sembrano non voler lasciare la community a dispetto dei dubbi sollevati. Un capitale che fa gola a molti e che quattro ragazzi americani promettono di intaccare. In pochi giorni sono riusciti a raccogliere una certa notorietà e fondi sufficienti a lanciare il progetto Diaspora: un social network, che nascerà a settembre e che si propone come l’anti-Facebook proprio perché garantirà agli utenti pieno controllo sui propri dati personali.
19 maggio 2010
Redazione Tiscali